Teatro Ragazzi Menu

TeatrObliquo

Contattaci
Home arrow Teatro Ragazzi arrow Il Fantasma di Canterville arrow Il Fantasma di Canterville: scheda descrittiva
Il Fantasma di Canterville: scheda descrittiva PDF Stampa E-mail

Il fantasma di Canterville

Da Oscar Wilde – Riduzione teatrale di Marco Tassara

Con
  • Paola Chiarello
  • Gianni Coluzzi
  • Gabriella Foletto
  • Giulia Giussani
  • Daniela Monico
  • Marco Parisi

Regia
  • Durshan Savino Delizia

Active Image

Nel racconto Il fantasma di Canterville di Oscar Wilde (1887) la dicotomia tra attualità e tradizione, tra razionalità e fantasia, tra materialismo progressista e pathos romantico sono incarnati da un eroe, il fantasma, ormai logoro e vecchio, esangue e polveroso, e un anti-eroe, Hiram Otis, acquirente del vecchio castello inglese smodatamente fiducioso nel progresso e nella ricchezza, talmente integrato nella propria epoca da offrirsi come modello per i futuri cittadini del mondo.

La famiglia Otis acquista il castello per vanità e riduce il gotico baluardo del romanticismo nordico ad un rudere contemporaneo in stile kitsch, sostituisce vecchie polveri e ragnatele con tende e pareti color confetto, libri da museo con enciclopedie moderne raccolte per corrispondenza. In mezzo a tale sfoggio di superficialità si distingue Virginia Otis la figlia maggiore, che riesce ad elevare la propria protesta manifestando una sensibilità sconosciuta al mondo nel quale è stata allevata.

Il testo è interessante perché affronta temi che possono essere facilmente riconosciuti dai ragazzi oggi: gli eccessi del consumismo che portano a ragionare in termini esclusivamente pubblicitari, l’importanza attribuita principalmente a ciò che si ha piuttosto che all’essenza delle cose, l’immaginario reso sempre più angusto a causa dell’empio culto che il secolo di Wilde ( e anche il nostro) ha dedicato al progresso materiale… Sono questi alcuni fra i temi che lo spettacolo affronta in una chiave divertente e giocosa che ben si adatta ai ragazzi, i quali hanno occasione in tal modo di assistere ad un classico della letteratura in forma teatrale e pertanto più diretta, in forma talvolta comica tanto da accrescerne l’interesse. Lo spettacolo, infatti, gioca con i personaggi, si prende gioco di loro esaltandone le caratteristiche più essenziali, ironizza senza banalizzare mantenendo vivo l’alto intento di sottolineare la mostruosità degli Otis, il candore e la determinazione di Virginia, il dramma del fantasma che diventa la vittima sacrificale dei dispetti dei due gemellini.

È facile che i ragazzi si identifichino in chi si prende gioco di ciò che è antico, in chi chiama “rudere” tutto ciò che non è tecnologico, ma nella chiave dello spettacolo ci si ritrova a simpatizzare per la signora Umney, vecchia governante ed unico baluardo delle tradizioni rimaste nel castello, per il fantasma, costretto ad escogitare ogni genere di trucco per riuscire a spaventare gli Otis, per Virginia che riesce a distinguersi e a svelare il segreto della profezia di Canterville.

Lo spettacolo stimola il recupero dell’immaginazione, sia a livello visivo sia a livello tematico, descrivendo ambienti e personaggi reali, facilmente riconoscibili, inseriti però in contesti ed atmosfere ricche di mistero, di fantasia, di segreti gelosamente custoditi.

Ulteriori informazioni

 
Pros. >